Paesaggi Incantati tra Storia e Buon Mangiare


Inserito all'interno del Parco Nazionale dei monti Sibillini l'altopiano è uno dei più estesi dell'Italia centrale;

offre meravigliosi scorci del monte Vettore  e di Castelluccio , frazione di Norcia, situato a 1452 m s.l.m..

 

L'escursione che proponiamo in seguito è uno delle più impegnative sotto il profilo temporale ma ne varrà sicuramente la pena! Portate a casa i deliziosi souvenir gastronomici che la regione propone, non ve ne pentirete!

L'altopiano si compone di 3 piani,Pian Grande, Pian Piccolo e Pian Perduto  situati a circa 1350  m s.l.m. ; non dovete assolutamente perdere la Fiorita che avviene ogni anno tra la fine di Maggio e gli inizi di Luglio.

Lenticchie, papaveri,violette,trifogli fioriscono regalando un  paesaggio che si colora di tinte pastello e regala suggestioni uniche che non potrete sicuramente dimenticare.

Castelluccio è una meta importante anche per gli amanti degli sport outdoor, deltaplano, escursioni, trekking con i muli,mountain bike: questi territori offrono una vasta scelta di attività!

il nucleo attuale del paese sembra risalire a prima del XIII secolo anche se alcuni reperti testimoniano insediamenti già in epoca romana.

Prima di lasciare Castelluccio alla volta di Norcia non dimenticate di acquistare le famosissime lenticchie, una specialità del posto!

 

A circa 28 km troviamo Norcia, raggiungibile attraverso una bella strada panoramica.

La fondazione della città risale al V secolo per mano dei Sabini anche se insediamenti nella valle sembrano risalire al Neolitico con testimonianze certe di presenza umana  nel VIII secolo a.C.

Dopo essere stata annessa all'impero romano ed in seguito alla sua decaduta, Norcia diviene vittima di numerosi saccheggi, Goti, Longobardi e Saraceni.

Nel IX secolo una colonia di Franchi vi si stabilisce e sopravvive grazie all'agricoltura autarchica che determina lo sviluppo dell'allevamento del maiale, la cui carne diviene un importante mezzo di sostentamento.

Agli inizi del 1300 Norcia insieme alla vicina Visso ricopre il ruolo di principale centro urbano nella regione montuosa che la circonda.

Nel XVIII secolo la città viene in parte distrutta da un forte terremoto e perde gran parte della sua forma medievale per assumere la sua  struttura tipicamente ottocentesca.

Nel 1860 la città vive uno dei momenti economici più difficile e un forte flusso migratorio (che occuperà tutto il secolo) parte  vero Roma e gli Stati uniti.

Nel 1979 in seguito ad un altro grande terremoto Norcia subisce ulteriori danni ed il piano di risanamento  porta alla rinascita economica.

Fate un giro nelle tipiche Norcinerie e portate a casa i prodotti tipici locali; tartufo nero pregiato,prosciutto, salame al tartufo, lombetto di maiale, mortadella,e tanti altri ancora..  autentiche bontà!